Siena

Montalcino: oltre il Brunello

Montalcino

Oltre il Brunello

Montalcino, ultimo baluardo della resistenza senese,  si erge solitario su un’alta collina, tagliata in due per permettere la fondazione dell’insediamento abitativo.

Il nostro itinerario partirà  dalla Fortezza trecentesca dove evocheremo la figura di Biagio de Montluc, eroico difensore della Repubblica di Siena e appassionato di donne senesi (ma non nel senso che credete voi!).

Il Monluc, dopo la resa di Siena alle truppe di Carlo V e Cosimo I de’ Medici, nel 1555, guidò qui le 252 famiglie nobili e 435 popolane senesi che dettero vita alla Repubblica di Siena ritirata in Montalcino, appunto.

Successivamente, percorrendo le incantevoli stradine del borgo, scopriremo le sue chiese, le vecchie fonti, i palazzi e i loggiati storici. Naturalmente sono previste soste per la visita del Duomo e al Santuario della Madonna del Soccorso:  tanto sobrio il primo quanto riccamente decorato il secondo.

Tanti i punti panoramici che incontreremo durante la il nostro percorso per godere degli splendidi affacci sulle vallate circostanti.

Panorama sulla Val d'Orcia
Montalcino, o meglio Mons Ilcinus (il monte dei Lecci) è citato nel 814, in un diploma di Ludovico il Pio, il quale concede all'abate di Sant'Antimo un vasto territorio. Su questa collina luminosa, sorgerà, intorno al 935 l'attuale cittadina, tagliando orizzontalmente il monte per circa un chilometro di lunghezza.
Abbazia di Sant'Antimo: veduta esterna con il cipresso che rivaleggia con la torre campanaria
L'Abbazia di Sant'Antimo è uno dei più bei esempi di romanico toscanico. L'istituzione di una Abbazia in questo luogo appartato della Valle dello Starcia è riconducibile alla presenza di una sorgente, le cui acque per secoli, sono passate sotto la zona Ovest della Chiesa. Con l'adozione di un deambulatorio a raggera, l'alternanza dei sostegni (un pilastro a fascio ogni 3 colonne) e la presenza di un matroneo, la Chiesa mostra di ispirarsi ai santuari francesi sorti dalla metà del XI sec. ai primi del XII sec.

La tappa finale del nostro tour sarà la vicina Abbazia di Sant’Antimo  evocativo complesso romanico del XII secolo fondata, secondo la leggenda, da Carlo Magno. L’interno, sobrio e solenne, caratterizzato dagli splendidi capitelli, culmina nella luce dell’abside e nel magnifico Crocifisso ligneo.

Durante o alla fine della nostra giornata, non potrà mancare, per chi lo desidera, una degustazione dell’ottimo Brunello, vanto di Montalcino.

Veduta dell'ex Convento di San Francesco Montalcino
Il primo insediamento francescano avvenne nel 1218 sui beni della parrocchia di San Marco e nel 1285 su quelli della Parrocchia dei San Michele Arcangelo. Nel 1287 entrambe le chiese vennero demolite per la costruzione della chiesa dedicata a San Francesco. Il complesso conventuale risale al XIV secolo, anche se verso gli anni 70 dell'800, venne trasformato in Ospedale.

POSSIBILI ESTENSIONI

  • Trekking nei dintorni organizzato sempre da Tuscany Art trek
  • Visita con degustazione ad una Cantina di un noto produttore locale

RICHIEDIMI INFORMAZIONI

Se ti interessa questo tour puoi compilare il form oppure contattarmi via mail, telefono, Messenger o WhatsApp per richiedere informazioni.

    Ho letto e accetto la Privacy Policy

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA.
    Google Privacy Policy e Termini del Servizio.

    PRENOTA IL TOUR

    PAGA CON PAYPAL

    Mandami le info sui partecipanti a [email protected] o contattami come preferisci e ti invierò l’importo e il link per pagare con PayPal.

    [qpp form="pagamentoinitaliano"]
    Torna su